IDO ZERO DAISAKUSEN 
Titolo italiano: LATITUDINE ZERO
Produzione: 1969 - Giappone, Toho, col., 108 min.
Regia: Ishirô Honda
Sceneggiatura: Shinichi Sekizawa dai racconti di Ted Shederman
Effetti speciali: Eiji Tsuburaya
Musica: Akira Ifukube
Interpreti: Joseph Cotten, CÚsar Romero, Richard Jaeckel, Patricia Medina, Glenn McKenzie, Akira Takarada, Masumi Okada, Mari Nakayama, Akihiko Hirata, Wataru Omae, Hikaru Kuroki, Linda Haynes, Susumu Kurobe, Burr Middleton, Haruo Nakajima
L'eruzione di un vulcano sottomarino trancia i cavi di un batiscafo che nelle acque dell'equatore sta svolgendo studi sulle correnti marine. I componenti dell'equipaggio - due scienziati giapponesi ed un reporter americano -, dopo aver perso i sensi, si risvegliano a bordo dell'avveniristico sottomarino Alpha del comandante McKenzie (Cotten), diretto verso la città ideale che si è costruito, proteggendola con una cupola di energia, sul fondo del mare. La città sommersa è retta secondo principi di pura democrazia ed ospita i più grandi ingegni della Terra che hanno scelto di continuare lì, indisturbati, il loro lavoro al servizio della civiltà senza essere ostacolati dagli odi e dalle rivalità politiche delle nazioni. La utopica metropoli degli abissi è però da anni impegnata in una interminabile battaglia contro il geniale ma perfido Malik (Romero), il quale - da una agguerrita base-laboratorio, installata su un'isola non segnata sulle carte nautiche -, tenta con ogni mezzo di impadronirsi degli innumerevoli tesori e delle stupefacenti scoperte scientifiche di McKenzie. I tre uomini decidono di affrontare, assieme allo scienziato e alla sua squadra, i mostruosi ibridi animaleschi creati da Malik. E al termine del vittorioso scontro, che segna l'epilogo della lunga lotta, è solo il reporter (Jaeckel) - deciso a non rinunciare allo scoop della sua vita (e a una borsa di diamanti regalatigli da McKenzie) - a tornare in superficie. Ma quando viene raccolto da una nave di passaggio, ha una grossa sorpresa...
Due grandi star hollywoodiane sul viale del tramonto, Joseph Cotten e César Romero, sono antagonisti in una guerra che si svolge sul fondo degli oceani e che, pur tra gli immancabili - e inguardabili - mostri di Honda e Tsuburaya ed avvenenti fanciulle, richiama alla memoria le avventure dei solitari eroi di Jules Verne.